Posts Tagged Ecocompatibilità

Grattacielo Eco-Compatibile

Una vera meraviglia! Questo grattacielo si trova a Manchester, è di proprietà di CIS, una compagnia di assicurazioni. Sulla facciata del palazzo sono stati montati 7244 pannelli fotovoltaici Sharp da 80w e sul tetto sono state sistemate ben 24 turbine eoliche. Tutta energia pulita e rinnovabile per 390kw di istallazione. L’impianto è costato circa 13,6 milioni di euro, in parte finanziati da contributi statali. Certo, loro a Manchester sono molto fortunati: con tutto il sole che hanno!!! Altro che noi in Italia…… Prendiamola a ridere ragazzi. Altre foto le trovate su metaefficient! Cliccate sull’immagine per ingrandire.

cis_tower.jpg

Annunci

Comments (1)

La Trasparenza e le Aziende

Da neofita dei blog, o per meglio dire, da neo gestore di un blog aziendale ancora in sviluppo, riprendo con entusiasmo quanto scritto da Mauro Lupi e Bernardo Parrella. Credo fermamente che il pubblico dei consumatori stia via via prendendo compiuta consapevolezza della sua forza intrinseca, del potere che deriva dall’orientamento della propria capacità di spesa. Ritengo quindi che un bisogno necessario da soddisfare è la fame di informazioni sugli attori della produzione di beni e servizi che si propongono al mercato. Vorrei tuttavia estendere queste considerazioni sulla trasparenza della governance aziendale come fattore di successo, ad un’altra trasparenza, ancora quasi sempre perfettamente disattesa. Mi riferisco alle indicazioni sulla provenienza degli ingredienti utilizzati nei prodotti alimentari.

In realtà, esistono da poco delle leggi che impongono al produttore di riportare in etichetta le indicazioni sulla provenienza per alcuni prodotti (frutta e verdura fresca, latte fresco, pomodoro, olio, ecc), ma non esiste nessuna tutela per molte altre categorie merceologiche, basta citare la pasta e il pane, che sono quantitativamente maggioritarie nei normali panieri di consumo familiare.

Tutto questo a danno della nostra libertà di scelta, ma anche a danno dell’agricoltura nazionale schiacciata dalla concorrenza dei paesi in via di sviluppo: pensiamo soltanto ai fagioli cinesi, che oggi dominano il mercato italiano con prezzi di vendita in Italia almeno il 30% inferiori ai costi di produzione su suolo nazionale. Sono certo però, che se fosse riportata sulle etichette la provenienza di quel fagiolo borlotto, il consumatore italiano (o meglio la Persona Italiana che acquista) sarebbe disposto a pagare di più per avere un prodotto Italiano, presumibilmente di più alta qualità e che, in ogni caso, non ha subito settimane di trasporto in nave…. Senza questa specificazione chiara e trasparente in etichetta tutto rimane entro il limbo del “ragionevole dubbio”, degli slogan maliziosi, delle frasi che lasciano pensare a…..,che chiudono le porte ai produttori nazionali considerati troppo cari.

Scusate questo sfogo, ma sono argomenti che mi toccano nel profondo!

Lascia un commento

Tesco e i “Carbon Labeled” Foods

Tesco, il colosso inglese della distribuzione moderna, ha appena comunicato che inizierà ad indicare sulle etichette di alcuni dei suoi prodotti informazioni sulla quantità di anidride carbonica emessa nell’intero ciclo di produzione del prodotto stesso, fino al consumo. E’ un passo importantissimo verso il consumo responsabile, un modo attivo di contribuire all’eco-sostenibilità, sensibilità che sembra essere evidentemente forte presso i sudditi di sua maestà britannica.

La vicinanza dei luoghi di produzione rispetto a quelli di consumo, l’utilizzo di fonti energetiche alternative per i cicli di produzione, l’esistenza di piani di risparmio energetico, sono solo alcuni dei parametri individuati da Testo per quantificare l’esternalità prodotta dai cicli di lavorazione e trasporto, fino ad arrivare al consumo.

La stessa Tesco ha, inoltre, annunciato che questo sforzo comunicativo verrà sempre più perseguito, così da rendere quanto più libera e consapevole possibile la singola decisione di consumo; e per favorire questi prodotti si sta già pensando ad un “programma fedeltà” che premi i consumatori di prodotti biologici, del commercio equo e solidale e dei prodotti biodegradabili.

Secondo me, questo è un segno di grande civiltà e modernità. L’informazione è libertà attiva di scelta. Chissà perchè queste idee non vengono mai a noi italiani?

Lascia un commento